Comunicato Bello Dentro: Castel Volturno 2019

Comunicato Bello Dentro: Castel Volturno 2019

Scusate il ritardo. È stato un weekend iniziato in autostrada e finito in autostrada. Sabato mattina siamo partiti alla volta di Castel Volturno con i Denotte. Mega traffico sull’A1, tappa, mozzarelle, ritorno. Birretta a Roma e poi siamo ripartiti. Domenica maxi grigliata a casa Masetti in quel di Todi, con piscina annessa. Ma andiamo per ordine.

Il traffico in autostrada è stata forse l’unica pecca di un sabato estremamente positivo. A un certo punto abbiamo pensato che non saremmo mai arrivati. Come abbiamo detto spesso, Castel Volturno non sarà Miami Beach, ma ci hanno sempre accolti come dei signori: panini, cabine riservate, acqua gelida. Nonostante l’ora abbondante di ritardo sull’appuntamento. Per correttezza nei confronti del lettore, è necessario aggiungere che c’erano sia il mare che la sabbia.

Quattro squadre al via. Dovevano essere 5 ma pazienza. Denotte, Crazy Crabs, Pirati di Nisida e Ghost. Debuttiamo contro i Pirati. Andiamo in doppio vantaggio ma ovviamente ci facciamo rimontare. Fu così che la prima partita di giornata l’abbiamo persa. Dopodiché i Crazy Crabs. Facciamo una partita magistrale, vinciamo tipo 6 a 5 o 5 a 4, a sto giro non ci siamo segnati i risultati. Nel frattempo i Pirati perdono contro i Ghost, quindi noi vinciamo con i Ghost e siamo primi nel girone all’italiana di questa Castel Volturno.

Giustamente pensate che a questo punto sia finita qua. E invece no. C’era una finale tra le prime due classificate. Ah, mannaggia. Becchiamo di nuovo i Crabs. Stavolta sono loro ad avere la meglio: 5 a 3 finale. Ci rialziamo dopo la prestazione grigia di Vigna di Valle. E ora sotto con questo luglio che si prospetta bello impegnativo. Insalata di riso, mozzarella meravigliosa, rientro a Roma stavolta senza mega traffico, Ponte Milvio.

Ma, come ogni weekend di Beach che si rispetti, era previsto un evento di intrattenimento. Stanchi dei soliti tavoli in discoteca ci siamo fatti prendere la mano e siamo andati a braciare tutto il braciabile nella modesta tenuta della famiglia Masetti, la quale, si narra, un tempo era detentrice di tutta l’Umbria. Tra l’altro l’80% di noi doveva rimediare a una bruttissima abbronzatura da muratore maturata durante le tappe precedenti e quindi oltre a braciare ci siamo spaparanzati al sole. L’accesso alla casa è stato un po’ problematico visto che ci siamo dovuti arrampicare in mezzo al bosco. Qualcuno ha sfondato il pianale della macchina, un altro ha bucato una gomma per andare a prendere altre birre. Come se non avessimo bevuto abbastanza. Oltre a questo però non abbiamo fatto troppi danni. Finora.

Poi di nuovo la stradina infernale in mezzo al bosco e di nuovo autostrada. E ora sotto con questo luglio che si prospetta bello impegnativo.

I Belli Denotte a Castel Volturno: Albanese, Dentale, Sanlo, Belcastro Sr, Belcastro Jr, Mantegazza, Gas, Cecè, Sampalmieri, Valente, Ciampani, Molinari.
All.: Frigo
Water boys: Tatto e Lello Castellini