Comunicato Bello Dentro: Ostia 2018

Comunicato Bello Dentro: Ostia 2018

Beach rugby a Ostia. Siamo tornati a casa con la coppetta del primo posto. Abbiamo vinto in finale, alla golden meta, contro i Crazy Crabs. Con tanto di esultanza lanciati uno sopra l’altro, che è stata soprannominata la “torretta”. Tipo Anzio l’anno scorso, dove i Belli Dentro batterono i Rats. L’unica differenza è che stavolta è successo tutto al contrario. Giocavamo contro i Crabs, ma soprattutto a vincere sono stati i Belli DeNotte. Bum. Espressioni di stupore. Titoli di testa. Sigla.

Insomma siamo andati a Ostia. Abbiamo fatto due squadre, come sempre, stavolta mischiando un po’ le carte perché i DeNotte a Firenze erano andati un po’ male. A proposito di Firenze, a sto giro la sabbia c’era (e bruciava pure un botto). Poi siamo andati a fare serata: abbiamo fatto imboccare 44 persone al nostro tavolo. A Roma, che si ricordi, non si era mai visto un tavolo da 44 persone. In fila per sei col resto di due. Nota dolente della giornata i Belli Dentro, che non so’ andati tanto bene.

Andiamo per ordine. Quattro gironi da tre. Formula strana. Ogni partita è dentro o fuori.

E infatti…

Debutto contro i Prussiani, vinciamo 8 a 3 nonostante il clamore mediatico che la Lega gli ha riservato durante questa settimana. Poi il tracollo. Perdiamo 3 a 2 contro i Rockets. Giochiamo male, sprechiamo tanto. Pure giocando male la potevamo vincere, ma niente. Semifinalina dove incontriamo i Forastici. Giochiamo a beach, finalmente, e vinciamo agilmente. Il match della redenzione ce l’abbiamo nella finale per il quinto posto. Becchiamo i Rats, ce la giochiamo a viso aperto, forse la miglior prestazione della giornata, ma non basta: ci dobbiamo accontentare del sesto posto. I punti n’erano un problema ma insomma ci tenevamo comunque a fare bene.

I Belli Dentro a Ostia: Alegiani, Santoro, Salvemme, Boccacci, Tatto, Nardone, Zoidberg Belcastro, Frigo, Alessi, Ciampani, Molinari.

I DeNotte esordiscono contro gli Acquaeductus Firm vincendo largamente. E fin qui ce lo aspettavamo. Poi i Rats, che come noi avevamo qualche ospite d’onore tra le loro fila. Giochiamo un partitone e vinciamo 5 a 2. Sabbie Mobili in semifinale: altra prova magistrale, facciamo tipo 6 a 1. A questo punto eravamo già contenti così, ci mancherebbe pure. Però andiamo a giocarci la finale belli spavaldi. Partitone. Finisce 4 pari con la meta del pareggio dei Crabs segnata allo scadere dopo diciotto ricicli spettacolari da globe-trotter. Ma non ci abbattiamo. Alla sudden death battiamo noi, attacchiamo, perdiamo palla vicino alla loro linea di meta. Battono, intercetto di Emiliano, meta della vittoria trotterellando. E poi, l’ormai celebre “torretta”.

I Bellin DeNotte a Ostia: Dentale, Mastrangelo, Bosco, Bilotti, Di Giacomo G., Mantegazza, Vella Jr, Belcastro Sr, Valente, Giggi Gualda, Moccia Sr, Moccia Jr.